Le 10 arti marziali migliori per l’autodifesa

Se avete deciso di iniziare a praticare un’arte marziale a scopo di difesa personale, sicuramente vi starete chiedendo quale sia la migliore tecnica in grado di insegnarvi realmente a difendervi in caso di attacchi. Esistono molte arti marziali finalizzate a questo scopo e usate anche dalle forze dell’ordine in alcuni Paesi, ma ne esistono altrettante che potrebbero portarvi fuori strada. Vediamo quali sono le 10 arti marziali migliori per l’autodifesa.

1.      Krav Maga

Il Krav Maga è una delle arti marziali – anche se, in realtà, si tratta più di una disciplina militare – più famose e diffuse negli ultimi tempi ed è una delle migliori soluzioni per imparare a difendersi da un avversario. Essa si basa sulla prevenzione e sui riflessi e, in caso di attacco, permette di utilizzare qualunque mezzo per averla vinta sull’avversario. È molto diffusa tra le forze dell’ordine.

2.      Wing Chun

Il Wing Chun è una sottocategoria del Kung Fu, di origine cinese e sviluppata, per la prima volta in assoluto, da una donna. Promette a chiunque di imparare a difendersi, che si tratti di persone magre, grasse, basse, alte e di qualunque età. Si basa su una linea retta, che conduce alle parti più vulnerabili da colpire (naso, bocca, gola, testicoli, vescica…).

3.      Jujitsu

Il Jujitsu è un tipo di lotta di origine giapponese, che, ormai, conta moltissimi anni dalla sua comparsa. È stato creato proprio per difendersi nel caso in cui un guerriero perdesse la propria arma e si basa su atterramenti, lotta sia in piedi che a terra e tecniche che vanno a colpire i nervi.

4.      Jiu Jitsu

Il Jiu Jitsu (da non confondere con il Jujitsu) è l’arte marziale brasiliana più utilizzata tra le forze dell’ordine del mondo e utilizza strangolamenti e leve articolari. Si basa sul controllo dell’avversario da una posizione in cui lui non può reagire e può essere usata da chiunque, comprese persone di una taglia ridotta.

5.      Judo

Il Judo è un’arte marziale giapponese, che nasce moltissimi anni fa e ha come scopo quello della lotta e della difesa personale, sfruttando la forza dell’avversario per ottenere la vittoria. Questa tecnica implica il minimo sforzo ed è incentrata su una crescita personale.

6.      Karate

Il Karate è, in assoluto, una delle arti marziali più conosciute al mondo. Di origine giapponese, viene insegnata a scopo di difesa personale a mani nude e, come la maggior parte delle arti marziali, comprende un lavoro psicologico.

7.      Kick Boxing

Un’altra arte marziale di origine giapponese, ma, ormai, diffusasi anche in occidente, che vede l’utilizzo di calci e pugni, combinando queste tecniche con il classico pugilato inglese.

8.      Kung Fu

Il Kung Fu è l’insieme di tutte le arti marziali cinesi e prevede una grande pratica per raggiungere i risultati. In particolare, viene descritto come una scala, da salire gradino per gradino, apprendendo le diverse tecniche sia spiritualmente che corporalmente.

9.      Muay Thai

La Muay Thai o Thai Boxe prevede l’uso di otto arti per colpire l’avversario in una tecnica che si basa sulla boxe.

10. Taekwondo

Ha origine in Corea ed è una delle arti marziali più praticate al mondo, basandosi sui calci e combinando la meditazione alla tecnica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *